La plastica

Polietilene

Le materie plastiche sono costituite da macromolecole dette “POLIMERI” a loro volta costituite da catene di molecole più piccole, dette “MONOMERI”.
I tanti tipi di plastica differiscono tra loro per l’aspetto esteriore e la destinazione d’uso. Hanno in comune alcune caratteristiche ben precise: sono leggere, lavabili, economiche, facilmente malleabili una volta riscaldate, riproducibili in serie e particolarmente funzionali per la conservazione di cibi e cose.

 

I polimeri termoplastici possono essere fusi e rimodellati più e più volte.
Hanno una struttura molecolare “a catena aperta” ovvero presentano un basso grado di reticolazione.

Le materie plastiche più diffuse sul mercato tra i prodotti di consumo sono:

Polietilene (PE)

PE è il simbolo del Polietilene; a volte viene specificato se si tratta di PE ad alta densità (HDPE, PE-HD) o a bassa densità (LDPE, PE-LD). Lo si può trovare anche con il numero 2 (HDPE) o 4 (LDPE).

HDPE (Polietilene ad alta densità) è resistente agli urti, usato per la produzione di shoppers, flaconi, tubi per l’acqua e tubi per il gas, nastri adesivi ecc ecc.
LDPE (Polietilene a bassa densità) è la plastica più leggera, più sensibile al calore, resistente agli agenti chimici con un buon isolamento elettrico. Usato per la produzione di shoppers, sacchetti e pellicole per alimenti, imballaggi in genere, sacchi per la spazzatura, cassette, giocattoli ecc ecc
UHMWPE (Polietilene ad ultra-alto peso molecolare) presenta un'alta resistenza all'abrasione.

 

Polipropilene (PP)

Utilizzato per la produzione di oggetti per l’arredamento, contenitori per alimenti, flaconi per detersivi e prodotti per l’igiene personale, moquettes, mobili da giardino, ecc ecc

 

Cloruro di polivinile (PVC)

Impiegato per la produzione di vaschette per le uova, tubazioni e pellicole isolanti nei muri di abitazioni, nelle porte, nelle finestre o piastrelle, carte di credito, ecc ecc

 

Polietilentereftalato (PET)

Utilizzato soprattutto per le bottiglie di bibite e di acqua minerale, nella produzione di fibre sintetiche.

 

Polistirene o polistirolo (PS)

Utilizzato per produrre vaschette per alimenti, posate, piatti, tappi, imballaggi, ecc ecc

 

Altri polimeri termoplastici

 
  • Poliammide o nylon (PA): resistente all’usura, non infiammabile. Utilizzata per ingranaggi, apparecchi radiotelevisivi, abbigliamento.
  • Resine acriliche: simili al vetro per trasparenza. Utilizzate per fusori delle lampade, coperture trasparenti, oggetti d’arredamento.
  • Nitrato di cellulosa e/o Celluloide: simile alla madreperla, utilizzata in sostituzione o ad imitazione dell’Avorio in oggetti vari (pettini, tasti, ecc).
  • Acido polilattico (PLA): prodotto con un processo biotecnologico, utilizzando come materia prima il Mais. Il PLA è utilizzato per la fabbricazione di contenitori compostabili.